Supersapiens.it
  Giuseppe Pignatale  Presenta:
   Scienze:
 Materia:

DISPOSIZIONE DEGLI ELETTRONI.

Gli elettroni degli atomi si distribuiscono in modo opportuno nelle orbite e in particolare quelli dell' ultima orbita determinano i legami tra gli elementi......

 
Google
 
Web www.supersapiens.it

 

Gli atomi della stessa specie come l'oro ad esempio, si uniscono tra loro per formare un elemento.
Si ha un composto quando si combinano atomi di tipo diverso, come quando il sodio e il cloro si uniscono per formare il sale.

Passiamo ora ad osservare la disposizione degli elettroni in qualche atomo: secondo la rappresentazione dell'atomo di Bohr gli elettroni ruotano intorno al nucleo seguendo percorsi fissi chiamati orbite e riuniti in vari gruppi, o strati elettronici, indicati con le lettere K, L, M, N, O, P, Q. Nessun atomo ha pi˙ di 7 strati elettronici; la maggioranza ne ha meno.
Lo strato pi˙ interno di tutti gli atomi contiene 2 elettroni, eccetto quello dell'idrogeno, l'elemento pi˙ leggero, che ne ha 1 solo; il secondo strato non pu˛ mai contenere pi˙ di 8 elettroni. Il neon, per esempio, che ha solo due strati, ha 2 elettroni nello strato interno e 8 in quello esterno: entrambi gli strati sono cosÝ completi.
L'ossigeno, che ha pure due soli strati, ha soltanto 6 elettroni nello strato esterno e, a causa di questa disposizione di elettroni, ha una manifesta tendenza a combinarsi con altri atomi.
Quando arriviamo agli elementi pesanti come l'uranio, il plutonio, il nettunio ed altri, troviamo che essi hanno elettroni in tutti e sette gli strati. II plutonio, ad esempio, ha nei suoi strati, a partire dal nucleo, il seguente numero di elettroni: 2 - 8 - 18 - 32 - 23 - 9 - 2. La tavola periodica mostra la disposizione degli elettroni per ogni elemento, compresi il nobelio e il laurenzio, i pi¨ recentemente scoperti, e il kurchatovio, per ora solo supposto.
Il numero degli elettroni di un atomo, o numero atomico, e in particolare il numero degli elettroni dello strato pi˙ esterno determinano il comportamento chimico dell'atomo, cioŔ la sua attitudine a combinarsi o a non combinarsi con una specie diversa di atomo per formare un composto.
II neon e gli altri gas inerti solo eccezionalmente si combinano con altri elementi perchÚ lo strato esterno dei loro atomi ha otto elettroni, il suo numero massimo. Si dirÓ quindi che gli elettroni esterni(meno di otto e quindi da 1 a 7) degli atomi che costituiscono gli elementi si combinano fra loro per formare composti, per avere otto elettroni all'ultima orbita (ottetto elettronico).

John Dalton fu il primo a rendersi conto del fatto che, quando gli elementi formano dei composti, i loro atomi si combinano sempre in proporzioni semplici. Sappiamo giÓ che la molecola Ŕ la pi˙ piccola parte esistente di un composto che abbia ancora le proprietÓ del composto stesso; non si Ŕ mai riusciti per˛ ad ottenere, nella realtÓ, singole molecole isolate e nei riguardi di molti composti Ŕ errato perfino credere che siano fatti di un insieme di molecole singole. Sarebbe come se chiamassimo una rete da pesca un insieme di singoli buchi o di singoli nodi.
Quando una sostanza si scioglie, le sue molecole possono staccarsi le une dalle altre e muoversi separatamente; a volte le molecole stesse possono dividersi in parti pi˙ piccole.


Sopra: gli atomi di radon e plutonio (6 e 7 strati) sono fra gli atomi a struttura pi¨ complessa; nessun atomo ha pi¨ di sette strati elettronici.

Entrambi i casi si possono verificare in una stessa soluzione nello stesso momento, per esempio nell'acido acetico presente nell'aceto. Quando il ferro arrugginisce, alcuni degli atomi delle sue molecole si combinano con atomi di ossigeno per formare ossido di ferro, le cui molecole sono diverse; questo Ŕ un esempio di reazione chimica. Le molecole possono essere a spirale o diritte, piegate o piatte, piccole o grandi, ma sono sempre troppo piccole per essere viste a un comune microscopio. Alcune molecole non sono che semplici atomi singoli, altre sono invece costituite da raggruppamenti, pi˙ o meno grandi e complessi, di atomi.



  Torna alla HomeBase




Sopra: Lo strato interno di tutti gli atomi, ad eccezione dell'idrogeno che ne ha 1, ha due elettroni; il secondo strato non pu˛ averne pi¨ di 8; l'elio e il neon che sono completi non si combinano (gas inerti), mentre l'ossigeno si.

A destra: il succo di limone, acido citrico (C6H8O7 e lo zucchero, glucosio, C12H8O6, hanno gli stessi elementi (carbonio, idrogeno e ossigeno), mas i loro atomi sono combinati diversamente.